L’ alluminio sugli alimenti è pericoloso? Tutti i consigli per un corretto utilizzo.

Link Sponsorizzati:

alluminio cibi

Nell’articolo di oggi tratteremo il tema dell’alluminio in cucina, evidenziando i pro e i contro (con eventuali soluzioni) che può avere sugli alimenti e di conseguenza sulla nostra salute.
L’alluminio è infatti uno dei materiali più utilizzati quotidianamente nelle cucine: Lo si utilizza durante la cottura (pentole e caffettiere sono infatti caratterizzate dalla presenza di leghe di alluminio) e per la conservazione degli alimenti.

I lati positivi:
– Leggerezza;
– Elevata conducibilità termica;
– Regola la temperatura nelle varie fasi di cottura;
– Distribuisce uniformemente il calore.

I lati negativi:
– Spesso le vaschette in alluminio dispongono internamente di uno strato di vernice;
– E’ particolarmente tossico per il sistema nervoso (disturbi del sonno, nervosismo, instabilità emotiva, perdita di memoria, mal di testa, e compromissione intellettiva);
– Può fermare la capacità del corpo di digerire e fare uso di calcio, fosforo e fluoro.

Raccomandazioni:
Nonostante le vaschette e i fogli di alluminio non sono particolarmente dannosi per la nostra salute e possono essere utilizzati per conservare cibi, sono necessarie delle raccomandazione sul loro utilizzo affinchè lo strato di vernice o metallo non penetri nell’alimento.
E’ infatti indispensabile conservazione le vaschette di alluminio in frigorifero, ad una temperatura di 5°C: Questo processo termico impedisce il passaggio di alluminio nell’alimento conservato al suo interno, anche a 10 giorni di distanza.

– All’interno del Decreto legge n.76 del 2007 si specifica che i materiali e gli oggetti in alluminio possono essere impiegati alle seguenti condizioni:

a) contatto breve: tempi inferiori alle 24 ore in qualunque
condizione di temperatura;
b) contatto prolungato: tempi superiori alle 24 ore a temperatura
refrigerata;
c) contatto prolungato: tempi superiori alle 24 ore a temperatura
ambiente limitatamente agli alimenti riportati nell’allegato IV del
regolamento.

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *